A+ A A-

Risparmiare con l'open source

L' offerta OpenWay si basa sui vantaggi dell'open source; il primo risultato immediato che i nostri clienti ottengono è il risparmio economico relativo alla gratuità delle licenze d'uso dell'open source.  Ma c'è dell'altro: anche il riutilizzo di hardware non nuovo, il ridotto TCO e le maggiori affidabilità e sicurezza contro il malware sono tutti elementi che si traducono in ulteriori risparmi di tempo, lavoro e denaro.

Più facile essere in regola con l'open source !

Un aspetto da non sottovalutare è anche l'annullamento del rischio che qualcuno (magari anche un collaboratore, a nostra insaputa)  installi software piratato o privo di licenza su un PC della nostra azienda.

 

 

 
Tratto da:  Computerworld Online (http://www.cwi.it/ - consultato il 26 Marzo 2010).
 Disponibile alla seguente URL

Open source: la Provincia di Cuneo misura i risparmi e amplia la dotazione

Oltre 80.000 euro risparmiati solo in fase di acquisto. Dopo Apache, Drupal e MySQL, l'ente adotterà anche OpenOffice

 

Venerdì 15 Gennaio 2010

La Provincia di Cuneo sta accelerando il processo d'adozione di software open source a seguito dei benefici economici fin qui conseguiti con le prime soluzioni implementate.

In una nota emessa dall'ente piemontese, il presidente della Provincia Gianna Gancia sottolinea infatti che “in tema di misure di riduzione della spesa di funzionamento, è previsto un ricorso via via più incisivo al software open source. Un piano puntuale di azione che potrà consentire risparmi significativi”.

La Provincia di Cuneo ha iniziato nel 2001 a utilizzare tecnologie open source nello sviluppo di progetti interni. Attualmente sono in uso numerosi prodotti che toccano differenti settori di attività: tra gli altri Apache per il server web, Drupal per la gestione del servizio Intranet a disposizione del personale e MySQL per la gestione del database.

Una scelta che ha fruttato nel tempo, sottolinea l'ente, un risparmio pari a 82 mila euro riferito al solo costo di acquisizione sul mercato di prodotti analoghi. A questo va aggiunta la spesa ricorrente per la manutenzione e aggiornamento degli applicativi, quantificabile in 15 mila euro annui.

Nel 2010 la Provincia di Cuneo estenderà la dotazione open source essendo già prevista l'adozione di OpenOffice, in grado di generare un risparmio minimo stimato per ciascuno dei prossimi cinque anni pari a 36 mila euro.

Per l'assessore con delega all'informatica e riduzione del digital divide, Federico Gregorio, “un elemento a favore dell'adozione su vasta scala dell'open source è l'indipendenza dai fornitori, consistente nel poter affidare il supporto di un prodotto a un'azienda scelta dal cliente, valorizzando anche le piccole realtà locali con forti competenze tecnico-specialistiche nel campo del software libero”. (sm)

Riservato-admin

OPENWAY
C.F. ZMBVTR62M03L219L - P. Iva 10375930012 - CCIAA: 1128058